giovedì , ottobre 18 2018
Home / Lazio / Alla scoperta degli Etruschi in bicicletta. 460 km tra Toscana e Lazio

Alla scoperta degli Etruschi in bicicletta. 460 km tra Toscana e Lazio

 

Alla scoperta degli Etruschi in bicicletta.

460 km tra Toscana e Lazio

 

 

Il bandolo della matassa

L’Italia è stata il terreno di gioco di tanti popoli in varie epoche storiche.
Il popolo Etrusco si sviluppò molti anni prima della nascita di Cristo in quella terra conosciuta come Etruria, tra i fiumi Arno e Tevere, dalla costa tirrenica fino alle catene montuose dell’Appennino.
L’itinerario parte dalla Costa degli Etruschi in Toscana, luogo in cui ebbe inizio la loro storia, terminando la sua corsa alla Necropoli di Cerveteri nei pressi della capitale.
L’enorme ricchezza culturale legata ai borghi storici e l’opulente produzione agricola Toscana incanteranno gli occhi e delizieranno il palato del viaggiatore.
Salite a perdifiato che si trasformano in fantastiche e vertiginose discese, una fra tutte quella delle colline metallifere di Campiglia Marittima.
Le toccate e fuga dal mare del Golfo di Baratti, il parco costiero della Sterpaia e il parco dell’Uccellina giovano all’animo per la tranquillità di un attimo e lo svago momentaneo che riescono a dare.

….

Premete il tasto reset e mettetevi a guardare di quali e quante cose incredibili è capace la natura.
Nella valle del fiume Treja e i monti Ceriti è racchiuso il mondo naturale, tempio di viventi pilastri, laboratorio di vita intricato e intrigante che continua a crescere. Valli dimenticate da Dio e progettate per resistere agli uomini ma che non smettono mai di incantare chi ha il coraggio di entrarvi.
Un giro armonico di bicicletta per sbarazzarsi delle strade affollate e rimanere allacciati alle arterie secondarie del trasporto via terra, fermare il tempo di un attimo sugli scorci più belli di questo vivere ed uscire dall’ultima curva impolverati ma felici.

Un viaggio in solitaria lungo 460 chilometri a colloquio con il passato, nel tentativo di scoprire quelli che sono i segni tangibili lasciati dal misterioso popolo Etrusco.

 

Bici consigliata: Mountain bike mono o bi-ammortizzata.

Giorni in viaggio: 7

Km percorsi: 460

Dislivello totale in metri: 6000

Scarica

PRIMO GIORNO

Costa degli Etruschi

I prodotti della terra in Toscana.
Buon vino, olio e fave per pacciamare (in mezzo alla vite).

 

Il Bolgheri Sassicaia è uno dei vini italiani più pregiati e costosi ed è prodotto esclusivamente in una specifica zona del comune di Castagneto Carducci.

Gli Etruschi sono a loro modo delle celebrità di Hollywood anche se alcuni aspetti della loro storia sono tutt’ora un mistero, tutto il litorale toscano compreso tra Livorno e Piombino prende il nome di Costa degli Etruschi.

Uomo e terra a confronto

La strada prende le mosse dal centro di Cecina e si flette quel tanto che basta per raggiungere i frutti della terra sull’altare, uomo e terra cooperano avanzando una forte sinergia che getta le basi per una campagna amica dove sono i filari di vigna, d’ulivo o l’alternanza fantasiosa di entrambi a dare risalto alla genuinità del mondo contadino.
Qualsiasi cosa nasca da questi terreni deve prendere una determinata piega, non ci può essere coltivazione, verde pubblico, giardino, filo d’erba che non rispetti assetto e canoni di bellezza toscani. In tutto questo c’è un solo angolo che sembra sfuggire alla suddette leggi.
Lontano da occhi indiscreti, due colline si stanno incontrando in fondo al vallivo facendo esplodere una vegetazione arborea e rampicante fuori controllo, dura il tempo di un attimo ma è un piacere sapere che c’è tanta energia pronta a manifestarsi senza il men che minimo preavviso.

I borghi storici

Diamo il via alle danze!
Mi lancio alla scoperta dei borghi della Costa degli Etruschi, primo fra tutti Bibbona, a seguire Bolgheri, Castagneto Carducci, Sassetta, Campiglia Marittima e Suvereto.

Le vicende storiche

I borghi storici si ergono a capisaldi del territorio circostante, la testimonianza plausibile di quanto è accaduto in quasi un millennio di storia. Le dispute per la spartizione delle terre e dei beni tra pisani/fiorentini e tra stato/chiesa, la nascita del Granducato di Toscana, la supremazia feudale della famiglia dei Della Gherardesca, le invasioni barbariche, le sommosse popolari sono tutti avvenimenti storici da cui è dipesa la sorte finale di questi borghi.

Io e il mezzo busto di Giosuè Carducci che guardiamo la via del paese di Castagneto Carducci.

Com’è cambiato il borgo

I primi avamposti difensivi crebbero a partire dall’edificazione di rocche e torri poste sulla sommità del colle, una o più cinte murarie erano messe a difesa del villaggio da possibili attacchi nemici. Oggi basta passeggiare tra i vicoli di questi borghi per vedere che nulla è realmente cambiato, rocche e torri sono ancora in piedi nonostante i cedimenti e le abitazioni sono andate a chiudere alcune parti di cinte murarie che non hanno resistito al trascorrere del tempo. Potrà questo fermare la bellezza di un luogo, non credo.

Sassetta.
Costa degli Etruschi.

 

Borgo di Sassetta.
Costa degli Etruschi.
Ripiduccia la salita dopo Sassetta, si continua a prendere quota alla velocità della luce, di questo passo scavalco le colline metallifere in un batter d’occhio… e invece.

Le colline metallifere

“Due strade divergevano in un bosco, ed io presi quella meno battuta,
e questo ha fatto tutta la differenza”.
Ebbene, La Costa degli Etruschi non si esaurisce qui.
Resta da scegliere quale strada prendere dopo Castagneto Carducci, quella di destra punta verso il mare, il percorso è semplice ma poco interessante mentre quella di sinistra si infila in una valle posta ai margini dove regna indisturbato il verde e il silenzio, la strada prende quota facilmente ma rimane da chiarire quale sia la percorribilità di alcuni sentieri sterrati verso Campiglia Marittima, la mia scelta non poteva che ricadere su quest’ultima.

Colline metallifere.

Fuori dal mondo

-FUORI dal mondo-
Non disponibile al momento, lasciare un messaggio dopo il segnale acustico.
Assorbito dalla macchia mediterranea e da alcuni alberi da sughero sparsi qua e la.
Ultimo tratto di sentiero pedalabile, bisogna spingere la bici in salita per 500 metri lineari.
Colline metallifere di Campiglia Marittima.

 

Posso finalmente tirare un sospiro di sollievo, la salita e poi la discesa nei boschi delle colline metallifere di Campiglia Marittima si è rivelata abbastanza impegnativa ma divertentissima. Adesso non resta che scendere in tutta calma verso il parco archeominerario di San Silvestro e al borgo di Campiglia per poi affrontare gli ultimi passaggi in vista di Suvereto.
Nelle giornate limpide si può vedere distintamente la zona costiera del parco delle Sterpaie.

 

SECONDO GIORNO

Golfo di Baratti

Inizio del percorso sterrato in riva al mare nel golfo di Baratti.

 

Sorpresa! La situazione si fa interessante, sto seguendo il percorso sterrato lungo la costa del golfo di Baratti e guardate un po’, la vedete quella lassù? La fortezza del 1400 che fecero costruire gli Appiani, signori di Piombino. Il primo hot spot di questa seconda giornata di viaggio.

La storia

Il promontorio del golfo di Baratti ospitò una delle più grandi e importanti città etrusche e romane dell’antichità.
Nel VI sec. a.C. visse il suo massimo splendore. Abitata da oltre un migliaio di persone e formata da acropoli, necropoli, diversi quartieri portuali ed industriali.
La città era dotata di una imponente cinta muraria, una prima cinta comprendeva l’Acropoli e l’abitato, una seconda cinta comprendeva l’area portuale metallurgica e le necropoli.
I cinque secoli di attività metallurgica cambiarono completamente l’aspetto del paesaggio fino al completo recupero dei suoli avvenuto nei primi del 1900.
Le colline intorno a Populonia erano ricoperte dalle scorie di ferro della produzione antica.
Persino la spiaggia continua ad avere un colore antracite e brilla quando è colpita dai raggi del sole.

Al centro della costa di Baratti si sviluppa una pineta composta da pini marittimi e domestici che termina alla necropoli. Nel sottobosco ci sono alcuni arbusti della macchia mediterranea.

 

Baratti.

La fine di un’epoca

La spiaggia è deserta e i traffici commerciali medio-tirrenici sono finiti da un pezzo, Populonia è un centro in rovina, l’acropoli è semi distrutta così come la città dei poggi Telegrafo e Castello, i bassi forni per la fusione del ferro non fumano più ma rimangono ancora tante testimonianze legate alle pratiche di sepoltura dei defunti in epoca etrusca.
I resti più importanti in quest’area sono quelli che riguardano la necropoli del parco archeologico di Baratti e Populonia nella parte meridionale della costa.

Il castello di Populonia e le colline del golfo.

Alla modica cifra di 2,50 euro potete salire in cima alla torre del castello di Populonia per vedere un panorama eccezionale.
Sotto e dietro di me il Golfo di Baratti e le colline metallifere della costa degli Etruschi.

Il mio canto libero sei tu che mi sopporti anche se ti brucio le pastiglie dei freni a 60 km/h giù dalla lunga discesa del castello di Populonia e ti rilancio sul falso piano di una stradina secondaria che si infila nelle colline che chiudono a sud-est il golfo.
Una bava di vento marino trasporta profumi celestiali che si posano sui freschi e verdi prati di queste colline mentre un gregge di pecore non si lascia perdere quest’occasione e ne approfitta per arricchirsi con un pasto saporito.
Il pastore sta bevendo avidamente dal collo della sua bottiglia per fronteggiare i primi caldi seduto al riparo di un bell’arbusto in fiore sulla lunga distanza, alzo la mano istintivamente in segno di saluto, lui non è da meno e contraccambia i saluti.
Il pastore ed io siamo le uniche presenze umane di questo paradiso.

Il parco della Sterpaia

Fenicotteri rosa.
Oasi WWF Padule Orti-Bottagone vicino Piombino.

 

Ingresso al parco costiero della Sterpaia vicino Follonica.

Le recenti piogge hanno messo a dura prova la mia bici in questo contesto di pozze e rivoli d’acqua salata, dune di sabbia e polvere, l’efficienza del mezzo è andata a zero.
Fortuna che lungo la strada ho trovato un getto d’acqua per lavare la bici 😉

BagnosKiuma Beach.
L’isola d’Elba e la Corsica stanno proprio di fronte alla spiaggia.

 

Parco costiero della Sterpaia.

La corsa all’area archeologica di Vetulonia

Il sole splende alto sulla testa mentre passeggio sul lungo mare di Follonica, sembra piena estate, un uomo padroneggia il suo kite surf compiendo incredibili e disinvolti voli acrobatici sull’acqua per poi riprende a sfrecciare veloce come se niente fosse. Mi basterebbe anche solo un po’ della sua velocità per raggiungere l’area archeologica di Vetulonia con un po’ più di piglio. La salita per Gavorrano è rapida e indolore e dura fino all’ingresso in paese, cinque bei personaggetti locali stanno seduti sulla panchina e controllano a vista le entrate e le uscite al paese. Io sono il nuovo indiziato di oggi, faccia sconosciuta, trasporto straordinario su gomma e carichi sospesi… non ci siamo.
I bambini giocano all’acqua di una fontana ma si disperdono subito come faccio intendere di voler bere. Esco per così dire dall’uscita di emergenza e mi lancio su una strada ghiaiata che scende sul versante della piana di Scarlino Scalo e rivedo il mare di Follonica per l’ultima volta. La strada statale Aurelia è ritornata a farsi sentire e fa il muso duro senza sapere che io ho il deterrente per svignarmela tra un sottopassaggio e l’altro della campagna.

La piana di Grosseto

Le colline si inchinano alla piana a nord-ovest di Grosseto, impressionante nonostante l’argine sul fiume Bruna ad intralciare la vista, gigantesca al punto da sembrare quasi adimensionale. Chi mi dice che la casa nel grano è più vicina del sole? Davvero non lo so più. Nel frattempo dai campi s’alza uno sbuffo di polvere e un vociare prolungato di trattori all’opera, è un’esplosione di fiori gialli sul volgere della sera mentre la vita si colora di più.
Eccoci arrivati all’area archeologica di Vetulonia.

TERZO GIORNO

Il decumano.
Ingresso nord orientale alle rovine di Roselle.

Il sito archeologico di Roselle

La mattina seguente mi reco in visita al sito archeologico di Roselle al di la della piana.
Il tratto di strada che precede i cancelli d’ingresso è affiancato da alcune tombe etrusche a bordo strada e nella vegetazione, segno che l’accesso odierno al sito è verosimilmente lo stesso utilizzato durante l’epoca.

La storia

L’antica città etrusca di Roselle sorge in posizione panoramica su due colline poste a ridosso della piana di Grosseto e collegate tra loro da una valletta. La città venne abitata nel VII sec. a.C. ma ebbe un notevole sviluppo soltanto nel secolo successivo. La cinta muraria è il principale complesso monumentale Etrusco. Entrambe le colline vennero urbanizzate, su quella settentrionale furono realizzati edifici privati mentre in quella meridionale trovano posto le strutture di tipo artigianale (forni) e cisterna d’acqua interrata.
La maggiore monumentalizzazione della città risale all’età imperiale. L’anfiteatro, il complesso forense, le basiliche sul lato settentrionale della piazza, le terme appartengo a quest’epoca.
Nella tarda età imperiale, Roselle fu soggetta a decadenza e i complessi architettonici furono per lo più riutilizzati, alterandone conseguentemente l’aspetto e modificandone la funzione originaria.
Nel VII sec. d.C. fu interessata dalla conquista longobarda.

Sito archeologico di Roselle.
All’arrivo del decumano vi sono le botteghe degli artigiani tra un muro divisorio e l’altro.

L’arte del riuso

– L’arte del riuso –
Sito archeologico di Roselle.
L’antica città di Roselle ha cambiato faccia numerose volte, basti pensare alla maestria e sapienza con cui si convertivano le destinazioni d’uso di numerose strutture non più adatte a soddisfare i bisogni delle popolazioni locali. Ecco che nel 100 d.C. si costruivano le terme pubbliche, nel V sec. veniva eretta una chiesa paleocristiana sopra la piscina termale, tra il VI e il XII sec. nasce il cimitero nell’area circostante.

 

La storia etrusca al sito archeologico di Roselle.

 

Strade secondarie di collegamento tra Roselle e Grosseto.

Il fiume Ombrone

L’argine maestro del fiume Ombrone a Grosseto, da un lato le golene e dall’altro una distesa di piccoli orti cittadini arredati secondo il gusto di ciascun proprietario.

La storia etrusca scorre in forma liquida davanti ai miei occhi.
Le città di Vetulonia e Roselle sorgevano ai capi opposti della piana di Grosseto e si contendevano i commerci. Roselle mantenne la supremazia grazie al canale navigabile di collegamento allo scalo del lago Prile e allo sbocco sul mare dato dal fiume Ombrone.

Golene del fiume Ombrone.

 

I tori della maremma grossetana.

 

Il parco dell’Uccellina

La Maremma.
Il parco dell’Uccellina.

 

La mia presenza non sembra disturbare affatto una coppia di piccole volpi del parco naturale dell’Uccellina. Una delle due esce dalla fitta vegetazione e mi osserva in campo aperto, non perdo l’attimo e scatto questa fotografia.

Concesso ma non ammesso

– Concesso ma non ammesso –
Mi piace raccontarvi qualche aneddoto.
Desideravo oltremodo attraversare parte del parco dell’Uccellina in bici, io che fin da piccolo accettavo di andare al mare anche solo per vedere questi alberi sconosciuti e belli. Ora avrei potuto affogarci in mezzo, chilometri e chilometri della mia perdizione preferita a mia completa disposizione, un sogno! Alt… la realtà è pronta a distruggere tutto il sogno. Il parco chiude alle 16 e io sono arrivato alle 16:30.
Lola, una guida locale, si rende disponibile a chiamare le guardie parco per aiutarmi nel mio intento, in un primo momento non mi danno speranza poi si affaccia una possibilità, avrei dovuto modificare il mio percorso per passare solo dove me lo dicevano loro, mi approprio del visto particolare chiamato FIDUCIA, ne uscirò solamente 2 ore dopo con il più bel ricordo di sempre.

 

Il percorso ciclabile “Pinastrellaia” nel parco dell’Uccellina a Grosseto.

 

Spiaggia di Collelungo e torre di Castel Marino.
Parco dell’Uccellina.
La pista ciclabile della “Pinastrellaia” finisce qui, è possibile legare la bici nella rastrelliera e salire a piedi alla torre di Collelungo per ammirare il parco della Maremma dall’alto. Munirsi di traccia, non vi sono indicazioni.
Aggirare il promontorio e salire dalla spiaggia.

 

Un altro hot spot raggiunto con successo! Il parco della Maremma visto dall’alto della torre di Collelungo è assolutamente immenso, grandioso, nature, 360°, polmone verde e luce dei miei occhi.

 

I profili delle colline del parco della Maremma visti dall’Aurelia.

QUARTO GIORNO

 

Una porta sul mondo. Porta San Martino.
Magliano in Toscana.

 

La chiesa di San Bruzio vista dal borgo di Magliano in Toscana.

 

Vialetto della chiesa di San Bruzio.

Quarta ed ultima tappa di Toscana.
L’itinerario riparte verso l’entroterra dal paese di Fonteblanda, il mare e i poggi meridionali del parco della Maremma sono vicinissimi e riaccendono il ricordo della giornata appena trascorsa.
Le colline si ripresentano puntualmente seppur con bassi profili, non è mai troppo presto per parlare di salite e discese quando si è in Toscana.

Magliano in Toscana

La grande cinta muraria avvolge il borgo di Magliano in Toscana e rapisce lo sguardo dei turisti già dalle alture circostanti, gli stessi che entreranno dalla porta San Giovanni per vedere la facciata del palazzo Checco il Bello e delle chiese di San Giovanni Battista e San Martino per poi ritrovarsi a passeggiare sul camminamento murario del versante ovest e ad affrontare lo spazio aperto con lo sguardo rivolto verso la costa.
Per chi sa apprezzare l’arte e l’architettura antica le sorprese non sono ancora finite.
Nella campagna oltre il fiume Patrignone, a due passi dal colle del borgo, sorgono i resti della meravigliosa chiesa di San Bruzio datata XI sec.
D’ora in poi seguirò fedelmente tutto il percorso della ciclovia Tirrenica BI-16 che prosegue in direzione Capalbio e termina al parco archeologico di Vulci.

I vicoli di Capalbio.

Come muoversi nel centro storico di Capalbio

Sia il borgo di Magliano in Toscana che quello di Capalbio meritano una visita, se proprio non avete tempo a sufficienza per entrambi e non sapete quale vedere allora vi consiglio di fermarvi a Capalbio. La cosa che vi suggerisco di fare è quella di lasciare la bici in piazza Belvedere e di iniziare il tour dalla porta muraria di fronte a voi. Una volta dentro imboccate il giro di mura su via IV Novembre fino ad intercettare via Dante, adesso che siete entrati nei vicoli potete tenere la destra su via Vittorio Emanuele II, alcuni cartelli indicano le peculiarità di alcuni elementi architettonici di facciata nelle abitazioni, al termine della via svoltare a sinistra in piazza della chiesa dove trovate la chiesa di San Nicola e il castello Aldobrandesco Collacchioni, prendete il vicolo di via Garibaldi, a seguire via Arco Santo e via Gaeta per poi fare ritorno al portale murario di via IV Novembre da via Vittorio Emanuele II.

Rotolando verso sud
Vulci

Strada dell’Abbadia per Vulci.

Difficile dire se si tratta di un paesaggio toscano o laziale, entrambi. A sinistra la Toscana e a destra il Lazio. La strada dell’Abbadia per Vulci è lunga 10 km e segna il confine tra le due regioni. Il vento soffia forte in campo aperto, onde che travolgono da cima a fondo i campi delle colline e rotolano sulle spighe di grano ancora acerbe.
Io me ne infischio del vento, sono totalmente preso dal moto ondoso di questo mare verde che quasi non ci faccio caso. L’etruria e l’antica città di Vulci vi danno il benvenuto in quest’angolo di mondo Etrusco compreso all’interno del parco archeologico.

Verdi colline laziali.
Strada dell’Abbadia.

 

Sulla strada per Vulci.
Checché se ne dica, le colline toscane sono forse le più belle e curate colline che io abbia mai visto, un libro aperto che non ha bisogno di nessun chiarimento.

 

La raccolta degli asparagi a Vulci.

Il castello della Badia

Il ponte del Diavolo a Vulci.

 

Il castello della Badia di Vulci e il fiume Fiora.

 

Vulci e l’Etruria.

Il parco archeologico di Vulci

Fiume Fiora e lago del Pellicone.
Apro una piccola parentesi sul parco di Vulci. La visita al parco archeologico non ha soddisfatto le mie aspettative visto e considerato che il biglietto costa 10 euro. Le cose che mi hanno deluso sono i pannelli informativi sbiaditi, caduti al suolo o mancanti, staccionate abbattute o distrutte, l’eccessiva ricostruzione dei luoghi (porta ovest), la pochezza dei resti in loco. Le cose che mi hanno colpito sono il sentiero naturalistico, il fiume Fiora, il laghetto del Pellicone e la Domus del Criptoportico.

 

QUINTO GIORNO

Tuscania dentro e fuori le mura

Tuscania dentro e fuori le mura.
I ruderi del castello del Rivellino (XIII sec., privata e non visitabile) a sinistra e la chiesa di San Pietro (XI sec.) a destra. Da non perdere la visita della bellissima chiesa di Santa Maria Maggiore tra le mure e San Pietro.
L’ingresso alle chiese è gratuito.

 

Facciata della chiesa di San Pietro (XI sec.) fuori dalle mura di Tuscania.

 

Scorcio di una porzione interna della chiesa di San Pietro a Tuscania.

 

SESTO GIORNO

La Via Francigena

La via Francigena tra Capranica e Sutri. Fermatevi a visitare “l’antichissima città di Sutri“ai piedi del borgo storico. In una piccolissima area vi sono l’anfiteatro romano (I sec. a.C.), il mitreo e la villa Savorelli (XVIII sec.).

I 20 chilometri di strada provinciale (SP11) tra Tuscania e Vetralla sono ormai alle spalle.
La Via Francigena prende il sopravvento e si attesta come strada ufficiale per i prossimi 50 km (segnaletica non sempre chiara e ben visibile). Chi l’avrebbe mai detto che questa antica via di pellegrinaggio per Roma, usata fin dai tempi del vescovo Sigerico (X sec.) durante il viaggio di ritorno a Canterbury, sarebbe diventata la più bella ed importante espressione di mobilità lenta che l’Italia avesse mai conosciuto. Strade asfaltate a basso traffico che si tramutano con estrema facilità in viottoli sterrati, il tutto servito da un paesaggio naturale in continuo divenire.

Via Francigena.

 

 

 

Se le cose stanno così allora posso anche smettere di sognare ad occhi chiusi. Ci sono giornate in cui ti passa quasi l’appetito e non senti il bisogno di niente, stai troppo bene con te stesso e con gli altri che camperesti ad aria, sono questi posti meravigliosi che ti danno il sostentamento. Campagne tra Monterosi e Mazzano Romano.

La valle del fiume Treja

Il borgo di Mazzano Romano e la fontana dei tre mascheroni.
Imbocco del sentiero 002 della valle del fiume Treja.

 

Trova l’intruso.
L’unico punto del percorso naturalistico della valle del Treja in cui ho potuto sistemare la fotocamera per un autoscatto.
Percorso 002 del parco regionale valle del fiume Treja.

 

-Una scommessa vincente-
Borgo di Calcata vecchia.
In cuor mio sapevo che se avessi voluto vedere il borgo più bello di tutti avrei dovuto deviare dal mio percorso e attraversare la verdissima valle del fiume Treja, non ho fatto altro che dare ascolto ad una mia piccola intuizione.
La strada del ritorno segue l’altra sponda del fiume Treja sul percorso 011. Consiglio di andare a vedere le cascate di monte Gelato e poi riprendere il sentiero fino a Campagnano Romano.

 

Completamente rapito dalla bellezza del lago di Bracciano e dal contesto naturale che c’è qui intorno.
Ho preferito allungare la traccia di 3,5 km per godere ancora una volta della vista panoramica sul lago di Bracciano ed approfittare di un bellissimo scorcio del piccolo lago di Martignano dall’alto della sua conca.

SETTIMO GIORNO

I monti Ceriti

Benvenuto nel fantastico mondo dei monti Ceriti!

 

Mi sto dirigendo verso le cascate di Castel Giuliano ma finisco per imboccare la pista sbagliata. Saranno necessari alcuni pascoli recintati, un piccolo guado non segnato e un fuggi fuggi di animali d’allevamento poco amichevoli per accorgermi dell’errore commesso.
Starò forse seguendo il sentiero giusto questa volta??

 

Come sia finito qua non lo so nemmeno io, il fatto è che devo arrivare ai piedi della cascata e non in cima. Salto? Col cavolo!!

 

Cascata di Castel Giuliano.
Acqua viva per dissetare gli assetati e per rinfrescare i ciclisti 🙂
Pediluvio rigenerante.
Pronto per affrontare di nuovo i monti Ceriti.

 

Il single track “Snake” termina sulla riva del fosso della Mola, piccolo e affascinante torrente incastonato nel fondo della valle.

Cerveteri
Necropoli della Banditaccia

 

Necropoli di Cerveteri.
La tagliata etrusca scavata nel tufo consente di accedere all’area orientale della necropoli.
Le tombe aprono i loro ingressi sulle pareti del piccolo canyon divincolandosi tra la vegetazione aggressiva.

La necropoli etrusca della Banditaccia è posta su un’altura tufacea a nord ovest di Cerveteri (RM), si tratta della necropoli antica più estesa di tutta l’area mediterranea.
Nei suoi circa 400 ettari di estensione si trovano molte migliaia di sepolture, dalle più antiche del periodo villanoviano (IX secolo a.C.) alle più recenti del periodo etrusco (III secolo a.C.).
Le sepolture più belle sono quelle a tumulo, strutture tufacee a pianta circolare che rappresentano la casa del defunto, all’interno vi sono più stanze servite da corridoi (dromos).

Via degli Inferi.
Tagliata etrusca a Cerveteri.

 

 

Ingresso alla tomba a camera dei Rilievi.
Necropoli della Banditaccia -Cerveteri.

 

Tomba a camera.
Necropoli di Cerveteri.

 

Percorso di visita alla Necropoli di Cerveteri.

 

Tombe etrusche a tumulo.

 

Una serie di tombe a tumulo all’interno della necropoli.

 

 

THE END

Check Also

La traversata della Puglia in bicicletta – 750 km nell’entroterra pugliese

La traversata della Puglia in bici 750 km nell’entroterra pugliese passando per Matera   Piccolo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *